Monthly Archives: October 2012

Difendere la vivisezione come ricerca di base? – Strumenti per l’antivivisezionismo scientifico

Di Marco Mamone Capria, fonte Asinus Novus.

In Italia i media sono stati nelle ultime settimane invasi da interventi a favore della vivisezione. Ciò si deve soprattutto alla risonanza avuta da alcuni successi ottenuti dal movimento antivivisezionista (scimmie della Harlan, cani beagle di Green Hill). Quindi, a me, oppositore della sperimentazione animale invasiva (storicamente e comunemente detta “vivisezione”, anche se il termine non piace a chi la pratica), tale massiccia reazione appare di buon auspicio.

Avendo scritto abbastanza estesamente sull’argomento [1] vorrei limitarmi qui a smascherare una strategia retorica relativamente nuova e che i vivisezionisti (cioè i partigiani della vivisezione) stanno adottando in misura crescente. Ricorda molto da vicino un gioco da fiera di antiche tradizioni, il cosiddetto “gioco delle tre carte”. Questo gioco, come il lettore saprà, consiste nel deviare l’attenzione degli astanti in modo che siano indotti a puntare su una delle due carte sbagliate e mancare quella giusta. Continue reading

Advertisements

CORTEO CONTRO HARLAN E LA VIVISEZIONE SABATO 20 OTTOBRE

Il No Harlan Group Udine aderisce al corteo indetto dal Coordinamento Fermare Green Hill e Freccia 45 “Contro Harlan E La Vivisezione”, previsto per il 20 ottobre a Correzzana (MB).
Qui sotto troverete tutte le informazioni sull’evento,

Correzzana (MB) – Concentramento Ore 14.30 – Davanti al Comune, via De Gasperi 7

Per informazioni e approfondimenti:
Pagina del sito Fermare Green HIll
Mail: info@fermaregreenhill.net
Fb: http://www.facebook.com/controgreenhill

Il “prodotto” targato Harlan

I modelli per Harlan sono prodotti da spedire, analizzare, ibernare, con un’asettica precisione. Sradicando così ogni minimo residuo di empatia e pietà nei confronti degli animali, gli esseri senzienti vittime di questo traffico del dolore e della sofferenza.

Molto più semplice decontestualizzare l’animale da sperimentare, venendo presentato e trattato come un oggetto per “il bene comune”, è più facile rimuovere dagli sperimentatori ogni più piccola traccia di emotività.

“Harlan, ti aiuta per una ricerca migliore” – Questo è lo slogan che si trova in alto a sinistra visitando ogni pagina del sito http://www.harlan.com. Tra i servizi offerti ai clienti modelli animali.

In questa pagina potrete trovarne l’elenco

Vicino a ogni categoria di “modello animale”, è presente un file in formato pdf dove si possono avere ulteriori informazioni sulle origini, caratteristiche generali e genetiche.

Ad esempio, per quanto riguarda il modello cane beagle, questa è la sua descrizione:

La colonia è stata creata nel 1982 al Laboratorio di ricerca BRL in Svizzera creando un mix tra i cani provenienti dagli allevamenti Kleintierfarm a Füllinsdorf – Svizzera e Hazleton Research Products, a Kalamazoo nel Michigan. La Harlan acquisì la colonia nel 2004 e attualmente ne sono presenti due, in Francia e nel Regno Unito
I modelli sono appositamente creati per soddisfare le esigenze della ricerca biomedica multidisciplinare.
Hanno il pelo corto, sono tricolori e hanno un corpo più piccolo rispetto alle altre razze, e per questo utilizzabili al meglio per gli studi tossicologici.
Completano il profilo le minuziose descrizioni sugli alimenti somministrati, le vaccinazioni e il trasporto dei modelli animali direttamente al laboratorio cliente.

In Italia è presente negli stabilimenti il topo C57BL/6, utilizzato per studi sull’alcolismo, invecchiamento, fonte per modelli geneticamente modificati, disabilità cognitive e comportamentali, cardiologia, obesità indotta, dipendenza da droghe, studi generali, immunologia, superovulazione e tossicologia.

La spedizione del topo C57BL/6 prodotto in Italia si può velocemente ordinare tramite l’apposito modulo d’ordine. E’ anche possibile usufruire della promozione grauita di campioni per studi oncologici.

Queste sono le tipologie di modelli animali che attualmente la Harlan Laboratories fornisce:

Ratti: 8 tipi diversi ottenuti tramite accoppiamenti fra non consanguinei
20 ottenuti tramite accoppiamenti fra consanguinei
2 ibridi
5 mutanti

Topi: 6 tipi diversi ottenuti tramite accoppiamenti fra non consanguinei
35 ottenuti tramite accoppiamenti fra consanguinei
3 congenici
13 ibridi
9 mutanti

Cotton Rat (ratto del nord e centro america): 1

Cavie: 1

Criceti: 1

Conigli: 2 (tipo Europeo dal pelo bianco)

Cani: 1 (Beagle)

Felini: 1 (gatto dal pelo corto)

Ratti ibernati: 5

Topi ibernati: 12

Fonte: http://www.harlan.com/products_and_services/research_models_and_services/research_models