Monthly Archives: June 2014

SPERIMENTAZIONE ANIMALE E METODI SOSTITUTIVI – Prof. M. Tettamanti – 14.06.2014

Advertisements

La crisi del “prodotto” Harlan

untitled

IL CALO DI PROFITTI DELLA HARLAN LABORATORIES DI AZZIDA: CRISI ECONOMICA, RICONVERSIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO E PROBLEMA OCCUPAZIONALE

Dalla Relazione di Gestione della Harlan Laborartories s.r.l. di Azzida riferita al 2012 (fonte diretta e pubblica) si apprende che: la società ha chiuso il 2012 con una perdita di esercizio dovuta a “(…) un deterioramento sia della vendita di animali di produzione propria (-16%) che di prodotti per la rivendita (-45%). La diminuzione nell’ambito di attività di produzione propria è da attribuirsi alla situazione economica di difficoltà sia a livello nazionale , sia a livello dei principali paesi europei in cui la società opera. La diminuzione dei prodotti per la rivendita, relative in particolar modo a primati non umani, è correlata alla difficoltà specifica di commercializzazione di tali animali.”

Continue reading

No Harlan a Elementi Sotterranei

image

Siamo presenti con stand informativo  alla manifestazione “Elementi Sotterranei”, a Gemona, via Praviolai. Venite a trovarci!

I METODI SOSTITUTIVI, FONDAMENTALI PER UNA NUOVA RICERCA MEDICA

imagesRecentemente il dott. Thomas Hartung , ex direttore ECVAM ; European Center for Validation of Alternative Methds, ha definito “cattiva scienza” la sperimentazione animale, invocando la necessità di adottare metodi sostitutivi di ricerca.

Sudi scientifici rivelano che il 92% dei farmaci che passano test su animali si rivela nocivo o inefficace sull’uomo. Ogni anno farmaci sperimentati sugli animali danneggiano 1,5 milioni di persone al punto da richiedere una ospedalizzazione e 197.000 muoiono solo nella UE. Continue reading

Il movimento anti vivisezione e le recenti conquiste legislative

arlamento-Europeo_vivisezione-umana_sperimentazione-umana


Negli ultimi anni nell’opinione pubblica si è accresciuto sempre più un sentimento di rispetto ed empatia per gli animali non umani, intesi come esseri viventi senzienti, che provano dolore, gioia, paura, affetto, disperazione, solitudine. Questo diffuso sentire ha un sostegno culturale nella posizione antispecista, teorizzata da autorevoli esponenti nell’ambito etico – filosofico.

Dal 28 settembre 2012, giornata in cui 2000 persone provenienti da tutta Italia hanno manifestato a Udine, in modo pacifico e civile, contro la Harlan Laboratories, simbolo della pratica crudele e immorale della vivisezione, sono stati fatti passi avanti nel processo di eliminazione graduale di un metodo di ricerca ottocentesco e inefficace.

Continue reading